Idillio invernale (Carlo Mosca)    

 

Testo originale Traduzione

 

Idilli invernal

Passggiom a brazztt come pivion
in sul f d'ona sera de febbrr,
frggia e piovosa (gh' gi pzz di ciar)
per l'ultim tratt che resta di bastion.

I piant del Giardin Pubblich, coi troncon
di ram scur, in del ciel crepuscolar,
stta a la scorza sconden, al ripar,
i germoeuj per el cambi de stagion...

Ah, brasciatt s con tutt el paltortt
e impienitt de basitt el mostazzin,
tutt frcc gelaa e on poo smrt in doe l' bitt!

De ross te gh'hee dom quel poer nasin
e quel para de laber galeott
coi barbisitt, a incornis el bocchin.

 

Idillio invernale

Passeggiamo a braccetto come piccioni
sul fare di una sera di febbraio,
fredda e piovosa (sono gi accesi dei lumi)
per l'ultimo tratto che resta dei bastioni.

Le piante del Giardino Pubblico, coi tronconi
di rami scuri, nel cielo crepuscolare,
sotto la scorza nascondono, al riparo,
i germogli per il cambio di stagione...

Ah, abbracciarti con tutto il palet
e riempirti di bacetti il musetto,
tutto freddo gelato e un po' pallido dove scoperto!

Di rosso hai soltanto quel povero nasino
e quel paio di labbra galeotte
con la peluria, a incornicare la bocchina.

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)