Nozze d'oro (dedicata alla moglie Gianna) (Carlo Mosca)                

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Nozze d'oro

 

Oh, el m Gianin! fa cinquant'ann doman
(te ghe penset?, mzz scol, nientemen)
che vmm insmma, la man in de la man;
ciappandela on poo insc, come la ven.

 

Sar per qull che, se se dovss cunt
come hin passaa, per riv a 'sto pont chi,
savara nanca de de cominci:
in veritaa, a m el me par on d!

 

Eppur gh'hmm 'vuu anca nun i noster travaj
(basta pens ai gurr e ai malatij!)
ma, cont pazienza e fd, e senza arlj,
serenament hmm poduu superaj.

 

Ti te vardaa a custod el noster nd
col ritmo armonos d'i robb che dura;
m a proteggel dai colp de la ventura,
perch el doman el n'avss de sorrd.

 

Quanto amr, che pazienza e che allegria
te gh'he miss a allev i noster fioeu!
Cert, de ti han no imparaa malinconia:
cresseven giugatton come i cagnoeu.

 

Ah, quej primm ann, quand tornaven de scola
coi pantomim, coi schrz, coi canzonett!
quand eren tucc per nun! e poeu, in d'on tt
la Vale la s' fada ona popla.

 

E dopo vegnuu el temp che ognidn
l'ha avuu i s cruzzi e preoccupazion:
lor, cont i esamm e, cont la gura, nun,
per mtt d'accord disn e colazion.

 

Ma pur, la nostra piccola famiglia
(ricordi cont on fl de nostalgia)
la filava contenta a meraviglia:
tanta musica e on po de poesia.

 

Che bej ser hmm passaa in intimita
col noster car Italone, l'artista!
Ti te leggevet tutt a prima vista,
cont bella vs e gran facilita.

 

Te se settavet al piano e, per incant,
i divinn melodij d'i noster vcc
resuscitaven cont el son e'l cant
e i noster coeur volaven sra ai tcc.

 

Verdi e'l Puccin, Bellini e Donizett,
Chopin, Beethoven, Mozart, Debussy,
Schubert (e chi pusse ghe n'ha, ne mett)
e mai vegneva l'ora de dorm.

 

E dopo, el noster car cugnaa e amis
col Pascoli, el D'Annunzio, el Leopardi
el ne portava quasi in Paradis
e, senza accorges, se faseva tardi.

 

Reminiscenz ... E intant, sotta ai m oeucc
quej t stupendi trzz ner e lusent,
che te rivaven gi fina ai genoeucc
hin diventaa ona nvola d'argent...

 

E mi sont quasi pront per la "Baggina"!
ma intanta i noster fioeu han faa famiglia,
tutti bravi, tucc bon; sicch Giannina,
pdom ben festeggialla 'sta vigilia!

 

Cinquant'ann de ansieta e de speranz,
ses'cent mes coi s gioj e i s dolr;
ma, in fin che le conceda el nost Signr,
cont la man in de la man tirmm innanz!

 

Nozze d'oro

 

Oh, la mia Giannina! Domani sono cinquant anni 

(ci pensi?, mezzo secolo, nientemeno)

che camminiamo assieme, mano nella mano;

prendendola un po cos, come la viene.

 

Sar per quello che, se si dovessi raccontare

come sono trascorsi, per arrivare a questo punto,

non saprei neppure da dove cominciare:

in verit, a m sembra un giorno!

 

Eppure abbiamo avuto anche noi i nostri fastidi 

(basti pensare alle guerre e alle malattie!)   

ma, con pazienza e fede, senza remore,

serenamente abbiamo potuto superarli.  

 

Tu ti sei preoccupata di custodire il nostro nido

col ritmo armonioso delle cose durevoli;

io a proteggerlo dai colpi della sorte,

perch il domani ci potesse sorridere.

 

Quanto amore, che pazienza e che allegria

nel crescere i nostri figli!

Certo, da te non hanno appreso la malinconia:    

crescevano giocherelloni come cagnolini.

 

Ah, quei primi anni , quando tornavano da scuola

con le pantomime, con gli scherzi, con le canzoncine! 

Quando erano tutti per noi! E poi, in un nonnulla

la Vale si fatta una signorina.

 

E poi giunto il tempo che ognuno

ha avuto i propri crucci e preoccupazioni:

loro, con gli esami e, con la guerra, noi, 

per mettere assieme pranzo e cena.

 

Eppure, la nostra piccola famiglia

(ricordo con un filo di nostalgia)

procedeva contenta a meraviglia:

molta musica ed un po di poesia.

 

Che belle serate abbiamo trascorso in intimit 

col nostro caro Italone, lartista!

Tu leggevi tutto a prima vista,

con bella voce e grande facilit.

 

Sedevi al pianoforte e, per incanto,

le divine melodie dei nostri vecchi

risuscitavano col suono e il canto

ed i nostri cuori volavano sopra i tetti

 

Verdi e Puccini, Bellini e Donizetti,

Chopin, Beethoven, Mozart, Debussy,

Schubert (e chi pi ne ha, pine metta)

e mai giungeva lora di dormire.

 

E poi, il nostro caro cognato ed amico

con Pascoli, DAnnunzio, Leopardi

ci portava quasi in Paradiso

e, senza accorgerci, si faceva ora tarda.

 

Ricordi e intanto, sotto i miei occhi,

quelle tue stupende trecce nere e lucenti,

che ti arrivavano gi fino alle ginocchia

sono diventate una nuvola dargento...  

 

Ed io sono quasi pronto per la Baggina !

Ma nel frattempo i nostri figli hanno messo su famiglia

Tutti bravi, tutti buoni; cos, Giannina,

possiamo ben festeggiarla questa vigilia!

 

Cinquantanni di ansie e speranze,

seicento mesi, con le sue gioie ed i suoi dolori  

ma, alla fine, che ci conceda nostro Signore,

di tirare avanti... mano nella mano!

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)