Chi invegiss immatiss (Graziano Pastori) 

 

Testo originale Traduzione

 

Chi invegiss immatiss

 

Ecco, se devi dill, in confidenza
me n' capitaa voeuna proppi grossa;
soo n se l' che el coo el me va in somenza,
oppur se sont adree a scavamm la fossa;
el fatto l' che m, a la mia etaa,
porco sciampin, me sont innamoraa!

 

Me sont innamoraa 'me on ganivell
de sdes ann, quand che ghe monta el busc;
ve disi, francament, m son p quell,
me senti on infelice, on poer raspausc;
m soo p indove st, gh'hoo adoss on mucc
de manij, de striozz, mi son sui gucc!

 

E tutt per ona fmena, se s!
che la m'ha spettasciaa compagn d'on sciatt;
e m, come on bamban, la sto a guard,
che se la vedi n diventi matt,
poss p resist, par che me manca el fiaa,
patissi quell che p pat on malaa!

 

Ma quand ghe son visin... L' tutt cambiaa!
M diventi lughii, viscor'me on pess;
pod parlagh? L' la felicitaa,
e...diventi cilapp, me par de vess
on cascia-ball de quei che sann tusscoss
e ghe disi el m amor, col foeugh adoss!

 

E lee...la tas; la guarda in gir magari
e la me rispond n; la se gingina
e la me fa rest 'me on gingioari;
magari la sbadiglia, de morgnina,
e certi volt par nanca che la senta
e poeu, in sul pussee bell...la se indormenta!

 

Ma l'alter d, 'cramondo!, ghe l'hoo fada!
Giusta a la fin di m paroll rovent,
tant per cambi, la s'era indormentada,
e m - citto! - profitta del moment,
e pian pianin...me la son tolta in scoss!
E lee...dopo on moment...pssom adoss!

 

E dopo on poo me catta la mia tosa
con lee an'm in scoss, e la me d on cicchett;
e cont i oeucc foeura, rossa, la me vosa:
"T'hee no capii che la dev st gi in lett?
Proppi el nonno, con tutt el s giudizzi,
el gh'ha de fagh ciapp tucc sti bei vizzi?"

 

E m l'hoo missa gi in del s lettin.
Smorfiaa, bagnaa, mocc mocc, ma pien d'amor,
son restaa l a guard quell s faccin
ch'el morisnava tutt el m dolor;
me son speggiaa come in d'on ciel seren,
e gh'hoo ditt - ma sottvos - "Te voeuri ben!"

 

 

 

Chi invecchia impazzisce

 

Ecco se debbo dirlo in confidenza

me ne capitata una proprio grossa;

non so se che la testa rimbambisce,

oppure se sto scavandomi la fossa;

il fatto che io alla mia et,

accipicchia, mi sono innamorato!

 

Mi sono innamorato come un ragazzotto

di sedici anni, quando gli va il sangue alla testa;

vi dico, francamente, io non sono pi quello,

mi sento un infelice, una nullit;

io non so pi dove stare, ho addosso un sacco

di manie, di incantesimi, sono sugli spilli!

 

E tutto per una femmina, si sa!

che mi ha schiacciato come un rospo;

e io, come uno sciocco, la sto a guardare,

che se non la vedo divento matto,

non posso pi resistere,sembra che mi manchi il respiro,

soffro quello che pu soffrire un ammalato!

 

Ma quando le sono vicino... tutto cambiato!

Io divento vivace, vispo come un pesce;

poterle parlare? la felicit,

e ... divento ciarliero, mi pare di essere

un contafrottole di quelli che sanno tutto

e le dico il mio amore, col fuoco addosso!

 

E lei... tace; guarda attorno magari

e non mi risponde; fa la civetta

e mi fa restare come uno sciocco;

magari sbadiglia, da furbetta,

e a volte pare che nemmeno senta

e poi, sul pi bello... si addormenta!

 

Ma laltro giorno, accidenti!, glielho fatta!

Giusto alla fine delle mie parole roventi,

tanto per cambiare, si era addormentata,

e io zitto! approfitto del momento,

e pian pianino... me la sono presa in braccio!

E lei... dopo un momento... mi fa pip addosso!

 

E dopo un po mi sorprende mia figlia

con lei ancora in braccio, e mi rimprovera;

e con gli occhi fuori, rossa, mi urla:

Non hai capito che deve stare gi nel letto?

Proprio il nonno, con tutto il suo giudizio,

deve farle prendere tutti questi bei vizi?

 

E io lho messa gi nel suo lettino.

Deluso, bagnato, mogio mogio, ma pieno damore,

sono rimasto l a guardare quel suo faccino

che alleviava tutto il mio dolore;

mi sono specchiato come in un cielo sereno,

e le ho detto ma sottovoce Ti voglio bene!

 

 

busc    sangue alla testa
cilpp ciarlone, chiacchierone
ganivll ragazzotto
gingiori  sciocco
gucc aghi
la se gingina da: ginginass = guardarsi in giro con compiacenza
lughii vispo,vivace
me catta mi sorprende
mocc mocc mogio mogio
morgnina furbetta
raspasc in questo caso: un niente, una nullit
scitt rospo, sciatto, trasandato
scss grembo
smorfiaa deluso
strizz stregoneria, sortilegio, magia

Commento

Ma che cosa abbiamo maliziosamente immaginato?...si trattava solo di un nonno innamorato!

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)