Sontt a la sura Marchesa (Carlo Alfonso Pellizzoni)                   

 

Testo originale Traduzione  

Sontt a la sura Marchesa

 

Sura Marchesa, m l'hoo semper ditt,

e 'I diroo semper, che se fss potta

vorrev senz'olter qulla soa cagntta

portalla ai stll a fria de sonitt.

 

Che la creda che, in gener de tottitt,

qusta la se p d p che perfetta;

dom a guardagh adss, subet l'alltta

a toeulla in brasc per fagh mila basitt.

 

L' tant cerosa e amabil con la gent,

che cont i soeu grazijnn la se guadagna

el coeur de tucc, e 'I m principalment.

 

Insma no gh' minga la compagna

per spiret, per bellezza e per talent,

l' tutt qull mai che p riv ona cagna.

 

Commento

Questo un altro sonetto che il poeta dedica all'amica Marchesa Francesca Gussona in Busca.

Secondo Voi l'abate esprime reale simpatia  per  la cagnetta oppure, attraverso lei, cerca di mandare un qualsiasi messaggio anche alla Marchesa?

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)