El specc (Pier Gildo Bianchi)                     

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

El specc

Ormai pdi parlann dom con ti
- specc taccaa su, in l' entrada de ca' mia -
che t'hee vist tanti gent a pass via
e tanti a torn indree, compagn de m,
senza desmentegaj, n f bosia.

T'hee vist riv i benis di sposalizi,
t'hee vist i primm belee di nevoditt,
t'hee vist i d che - cros, croson, crositt
i pret hin vegnuu ch a cant l'uffizi
attorn'a on lett, con quatter mocchettitt.

T'hee vist i fior, i cles, i bombon
per fagh on poo de festa a on fioeu "dottor"
e sott'al ciarescur de l'abasgior,
in sul sof de seda, l in canton,
t'hee vist on'altra volta a nass l'amor.

I soldaa se speggiaven in montura
se tomaven a ca', tutti alamar,
e dent in la toa lus rettangolar
i servtt se studiaven la figura
quand rivava i garzon di bottegar.

Gh'hinn staa per turno i rccol de famiglia,
i magon, i despresi, i dispias,
la malizia de vun, il bonvor,
d'on alter: tutt in faccia a sta mobiglia
minga sueffada, come ti, a "ved".

Foeura, travers ai veder del poggioeu,
gh'eren in strada i brumm e, in del via vai,
passaven via, ltt-Itt, tramm a cavai,
in l'ombra quietta e fresca di streccioeu,
quand che i ser de l'estaa finiven mai:

e i pivion s'hin speggiaa in de la toa lus
cont i so vol da un tecc a 'na grondana
intrattanta che i nonni, in la soa tana,
pisoccaven tra milla barlafus,
sprofondaa col giornal in l'ottomana.

Quanti stagion ormai de la mia vitta
hin passaa sul tuo stagn, come in d'on sogn!
(La mia vitta? On ricamm tutt a carpogn,
ona barca che naviga in la litta,
on scuroeu de rimors e de vergogn!)

Ma 'des p nient. Bisogna desfesciatt,
ti, con la toa cornis desbirolada,
oramai mezza smunta e cariolada,
e speditt via, con tutti quij ritratt
sconduu dent in del veder, de scappada:

prima, per, sul gust d'on quaj boxoeur,
saroo mi, cont on pugn, a tratt in tcch
- car el m specc de ca', vunc e barcch
e insc i m pver did, come 'l m coeur,
se smaggiarann de sangu a pcch a pcch.

 

 

Lo specchio (traduzione d.A.)

Ormai posso parlarne soltanto con te
- specchio attaccato nell'ingresso di casa mia -
che hai visto passare tanta gente che andava
e veniva, come me
senza dimenticarla, n mentire.

Hai visto arrivare i confetti degli sposalizi,
hai visto i primi giocattoli dei nipotini,
hai visto i giorni che - croci e crocette -
i preti sono venuti qua a cantare l'ufficio (funebre)
attorno a un letto, con quattro moccoletti attorno.

Hai visto i fiori, i calici, i dolciumi
per fare un po' di festa a un figlio "dottore"
e sotto la penombra di un'abat-jour,
sul sof di seta, l in un angolo,
hai visto un'altra volta nascere l'amore.

Se i soldati tornavano a casa, i soldati si specchiavano
dentro di te in alta tenuta tutta alamari
e dentro la tua luce rettangolare
le servotte controllavano il proprio aspetto
quando arrivavano i garzoni dei bottegai.

Ci sono stati a turno i dissensi di famiglia,
le commozioni, i dispetti, i dispiaceri,
la malizia di uno e la buona volont
di un altro: tutto al cospetto di questi mobili
non abituati (per) come te a "vedere".

Fuori, attraverso i vetri del balcone,
c'erano in strada le carrozze e, nel via vai,
passavano lentamente i tram a cavalli,
nell'ombra quieta e fresca,
allorch le sere estive non finivano mai;

e i piccioni si sono specchiati nel tuo vetro
con i loro voli da un tetto a una grondaia,
mentre i nonni rintanati nell'ottomana,
si appisolavano, sprofondati tra mille cianfrusaglie,
con il giornale in mano.

Quante stagioni ormai nella mia vita
sono passate come in sogno. sul tuo stagno!
(La mia vita? Un ricamo tutto a rammendi,
una barca che naviga nella fanghiglia,
una cripta di rimorsi e di vergogna!).

Ma, adesso, pi nulla... Bisogna buttarti via,
con la tua cornice sgangherata,
ormai scolorita e tarlata,
ed eliminarti con tutti quei ritratti
fuggevolmente captati da te:

prima che ci accada, per,
sar io a spezzarti con un pugno come un boxeur
- caro il mio specchio di casa, sudicio e barocco -
e cos le mie povere dita, come il mio cuore,
si macchieranno di sangue a poco a poco.

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)