La valisa (Pier Gildo Bianchi)       

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

La valisa

Treno in ritard:
faseva giam scur
e piovisnava.
Soll, in mezz a la calca da on para d'or,
sott a la pensilina
specciavi sui duu pee
che te rivavet.
Frecc in di oss, scighera
denanz ai oeucc
e tuff d'oli brusaa,
de carisna e de ruff.
Senza guant, i m did
eren come de giazz
compagn di m penser
e 'l nas el gottonava
de trombin guast.
Ma quand speravi p,
l' tornaa 'l so
e 'l coeur s' slargaa foeura
sul f d'on fior
giappons
pocciaa in acqua:
sul carell di facchin
l'avevi vista,
la toa valisa.

 

La valigia (traduzione d.A.)

Treno in ritardo:
faceva gia' scuro
e piovigginava.
Solo, in mezzo alla calca, da un paio d'ore,
sotto alla pensilina
aspettavo sui due piedi
che tu arrivassi.
Freddo nelle ossa, nebbia
davanti agli occhi,
puzzo d'olio bruciato,
di fuliggine e di sudiciume.
Senza guanti, le mie dita
erano come di ghiaccio
come i miei pensieri
e il naso gocciolava
come un rubinetto guasto.
Ma quando non speravo pi
tornato il sole
e il mio cuore si allargato
come un fiore
giapponese
messo nell'acqua:
sul carrello dei facchini
avevo riconosciuto
la tua valigia

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)