Paturgna (Pier Gildo Bianchi)                

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Paturgna

Gh'hoo paura anca m di carimaa,
de sti oeucc insc stracch, di laver pss,
di cavej bianch, di dent desbirolaa,
del scrizz che sottvos fann i m ss.

Mi gh 'hoo paura de sti man che trma,
ch'hin p bon de obedigh al m cervell,
de sto sangu che 'l me par che 'l vaga insma,
de sti cresp e sti smacc che gh'hoo in la pell.

Mi gh'hoo paura del m pover coeur
che' l va innanz con fadiga a bottin,
del me' respir che' l rntega e che' l voeur
minga decidess de per l a balc.

S, gh'hoo paura perch soo de vess
insc fragil, insc pien de magagn,
insc faa con la palta (e me rincress!)
de la testa gi, gi fin'ai calcagn.

Poeu gh'hoo paura de la ntt, del scur,
di sgn che me compagnen al doman
perch mi sont on omm giam sicur
che me cala 'l coragg de and lontan.

Voo 'dree a cunt sui did i ms e i ann
che me resten de viv in sta manera
e pensi alla missolta di malann
che se montonen su la mia stadera.

E come pesen! Paren tanti sass
dent in d'on gerlo soravia di spall
che d per d me tiren pussee abss,
gi del binari, gi del pedestall.

Ma la paura di paur l' questa:
dopo tanto pen, de n reuss
a fen tutt'i rbb che gh'hoo in la testa:
i rbb che me permetten de vess "m".

 

Tristezza (traduzione dell'Autore)

Ho paura anch'io di queste livide borse sotto gli occhi,
di questi occhi cos stanchi, delle labbra aride,
dei capelli bianchi, dei denti malfermi
e degli scricchiolii che sottovoce fanno le mie ossa.

Ho paura di queste mani che tremano,
che non sono pi capaci di obbedire al mio cervello,
di questo sangue che sembra alterarsi,
di queste rughe e di queste macchie che ho sulla pelle.

Ho paura del mio povero cuore
che persiste a pulsare con fatica
del mio respiro che ansima e che, per suo conto,
non vuol decidere a calmarsi.

Si, ho paura perch so di essere
cos fragile, cos pieno di magagne,
cos fatto di fango (e mi rincresce!)
dalla testa gi gi fino ai calcagni.

Poi ho paura della notte, del buio,
dei sogni che mi accompagnano al giorno dopo
perch sono un uomo gi sicuro
che mi manca il coraggio di andare lontano.

Seguito a contare sulle dita i mesi e gli anni
che mi restano da vivere in questo modo
e penso al cumulo di malanni
che si ammucchiano sulla mia bilancia.

E come pesano! Sembrano, sulle spalle,
tanti sassi in un gerlo che
giorno dopo giorno, mi tirano gi i basso,
gi dai binari, gi dal piedestallo.

Ma la pi gran paura questa:
di non riuscire, dopo tanto penare,
a finire tutte le cose che ho in mente:
le cose che mi permettono di essere "io".

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)