Arlecchinada (Maria Luisa Riboldi Noto-Campanella)      

           Dipinto di Candida Riva
 

Testo originale Traduzione

 

Arlecchinada - Nel titolo sta la sintesi della concezione della vita,

                                 secondo la poetessa

 

L' quasi bell,

l' quasi on fust. 

El te 'scolta,

el te guarda,

el te parla sott vos,

el consola el to mal.

 

Se cicciara di rob de sto mond,

de Milan, de la gent.

 

 - El noster Giusepp?

- Ma s... Giuseppin...

- E la soa Dolcinea?

- Ona bella pigotta,

on guggin.

 - Ma l' la soa droga,

lu el giuga...

e intanta el sopporta la vita.

- Ma guardm i m man,

d bei manitt... ann passaa...

- E adess?.. hin malaa?

me rincress...

 

Se parla de amis, del governo,

de hippies , de pret, de la fed,

la legg, la virt,

l'amara solitudin de l'om,

(soa vera grandezza).

Se parla de mal, de rapin,

del dolor, de l'amor,

de spartiss (finalment)

e del Temp...

quel passaa... quel present... e doman...

Quel passaa?: ona storia terribil,

ona scena gentil de operetta,

el film d'ona terra che tas.

Quel present? El t pass,

on amis che canta e che moeur,

e silenzi ostinaa.

E doman?: come ier, come incoeu.

Nissun. Nient.

On foeugh d'Arlecchin.

 

                                 * * *

 

- Ma parlm di m man,

se p giustai-s?, 

a la bona...

- Forsi s... forsi no...

  che peccaa...

- Se gh'avessen vint'ann!

 

Ma perch and indree?

A chi naviga e a chi ced

a la spinta del vent,

chi lotta e chi trema,

chi recita e chi viv.

A ognidun el s numer

per la grand lotteria

che l'om el ciama Vita.

 

Ma perch and indree?

Al t tavol de poker,

al t post, al t gioeugh

fin'a l'ultima pice...

per rid e pat e mor

on ciccin tucc i d...

 

L' quasi bell,

l' quasi on fust

El te 'scolta,

el te guarda,

el te parla sott vos,

el consola el t mal.

 

Se cicciara di rob de sto mond,

de Milan, de la gent,

e del Temp...

Quell passaa?... Quel present?... E doman?..

          Nissun. Nient.

On foeugh d'Arlecchin...

 

Arlecchinata

 

 

quasi bello,

quasi un "fusto".

Ti ascolta,

ti guarda,

ti parla sottovoce,

consola il tuo male.

 

Si chiacchiera delle cose di questo mondo,

di Milano, della gente.

 

- Il nostro Giuseppe?

- Ma s ... Giuseppino...

- E la sua Dulcinea?

- Una bella bambola,

uno spillo.

- Ma la sua droga,

lui gioca ...

e nel frattempo sopporta la vita.

- Ma guardiamo le mie mani,

due belle manine ... anni fa ...

- E adesso? ... sono ammalate?

Mi rincresce ...

 

Si parla di amici, del governo,

di "hippies", di preti, della fede,

la legge, la virt,

l'amara solitudine dell'uomo,

(sua vera grandezza).

Si parla del male, delle rapine,

del dolore, dell'amore,

di dividersi (finalmente)

e del Tempo ...

quello passato ...quello presente ... e domani ...

Quello passato?: una storia terribile,

una scena gentile da operetta,

il film di una terra che tace.

Quello presente? Il tuo passo,

un amico che canta e che muore,

e silenzio ostinato.

E domani?: come ieri, come oggi.

Nessuno. Niente.

Un fuoco d'Arlecchino.

 

                  * * *

 

- Ma parliamo delle mie mani,

si possono accomodare?,

alla buona ...

- Forse s ... forse no ...

che peccato ...

- Se avessero vent'anni!

  

Ma perch andare indietro?

A chi naviga e a chi cede

alla spinta del vento,

chi lotta e chi trema,

chi recita e chi vive.

Ad ognuno il proprio numero

per la grande lotteria

che l'uomo chiama Vita.

 

Ma perch andare indietro?

Al tuo tavolo del poker,

al tuo posto, al tuo gioco

fino all'ultima mossa ...

per ridere e soffrire e morire

un pochino tutti i giorni ...

 

quasi bello,

quasi un "fusto".

Ti ascolta,

ti guarda,

ti parla sottovoce,

consola il tuo male.

 

Si chiacchiera delle cose di questo mondo,

di Milano, della gente,

e del Tempo ...

Quello passato?...Quello presente?...E domani?...

Nessuno. Niente.

Un fuoco d'Arlecchino ...

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)