El pomm* (Sandro Bajini)   

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

El pomm

In d'on canton de l'Eden,
on poo foeura de man, quasi in castigh,
gh' la Eva sott a on figh
cont ona pva che la finiss p.

Tutt in d'on tratt la vos del Scior L
la sbragia:"O vacca troia,
's'te gh'hee de mett gi el mus?
Te gh'hee i naranz, i figh, el t disn,
per tutt el santo d nagott de f,
l'aria l' remondna, el post l' bell,
e per l'onesto svago
gh' l'Adamo l pront con tant d'usell!..."

L'Eva la tas on poo, la se nascond
e poeu la ghe rispond:
"Mi voeuri on alter omm".

La gh'ha de vess questa la storia del pomm

*Da: "Stori liber del Gran Liber"
(Vicende bibliche liberamente raccontate in lingua milanese)
Viennepierre edizioni

pva                 broncio, muso lungo
remondna       tersa, pulita

 

La mela

In un cantuccio dell'Eden,
un po' fuori mano, come in castigo,
Eva giace sotto a un fico
con un broncio interminabile.

Di repente la voce del Sor Lui
prorompe:"O figlia di baldracca,
per quale mai ragione metti il muso?
Hai le arance, i fichi, il tuo desinare,
niente da fare per tutto il santo giorno,
tersa l'aria, il posto molto bello,
e per l'onesto svago
Adamo pronto l col suo fringuello!..."

Eva tace un momento, si nasconde,
e quindi gli risponde:
"Io voglio un altro uomo".

Dev'essere questa la storia del pomo.

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)