L'arca (Sandro Bajini)       

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

L'arca

On bel d de brutt temp,
aria de funeral,
se sent de l de i nivol ona vos:
"razza de lazzaron,
attent che chichinsc la marca mal!
Gent senza coeur e senza religion,
robalizzi, ciollad, imbroj a brent,
sciambol e mazzament de no cuntaj,
leccardarij e vizi sporscellent...
Adess ve la doo m la sopressada
che l' vegnuu el moment da dagh on taj".

In del scolt sto fior d'intemerada
No che l'era in l'ort a pient i verz
l'alza la testa e el ved
el gran Jav in personna: "Riverissi,
- el ghe dis - se succed?"
E L: "Ve condanni a on supplizi
che ve regordaree per on bel pezz:
mandaroo gi a seggion
tant'acqua de quatt tutt i montagn,
no restar p on omm de quej che gh'era,
che l' giust che i vonscion faghen el bagn.
El mond el sar quiett 'me ona risera:
acqua e silenzi, tomba di peccaa".

E intanta ch'el No "Bond fasoeu"
el pensa, L el repia: "Stremisset no,
che questa no l' anm la fin del mond.
Te set on bravo fioeu
e te condanni a viv: a s on barcon
tutt a compart e col s bravo tecc,
ma bell gross e bel fond,
pitturaa dent e foeura col catramm.
Te ciappet la miee col Semm e 'l Camm,
l'alter fioeu pussee smort,
i donn che gh'hann insemma,
e denter tucc. Ma attent, voeuri salv
anca i besti del mond senza esclusion...
Donca, dent anca lor, che m de intort
ne foo minga e lor gh'entren propi nient...
Allora, a l'opra!"

                        El tas L'onipotent
e subet el No el se mett in truscia.
Taja, liga, martella, impociacca,
la baracca in d'on boff l' pronta l.
Ghe metten denter robba de mangi
(che per bev hinn a post), poeu tutt in cr
se metten a sbragi: "Besti, vegn!"

E comincia ona longa procession
de besti in bella mostra pellegrina:
in testa a tucc soa maestaa el leon,
poeu conili, giraff, pegor, camej;
riva el struzz, l'elefant, riva i porscej,
riva el loff con la volp, riva el foin;
i fioeu ciamen el gall con la gajna,
che ghe piaseva i oeuv in cereghin.
Poeu de guardia e de caccia tutti i can,
coi s pures, coi pioeucc e coi bordocch,
cavaj gris e roan,
tr con la vacca, dromedari, occh;
ona brancada d'avi in l'alvear
e cont i onor che merita on sultan
l'asen... - no ghe toccas a l'omm doman,
che Dio ne guarda! on mond senza somar.

Ghe semm tucc? Ma no che manca el gatt!
El gh' minga... Ma in dove el s' casciaa
sto malnatt? Cerchel ch, ciammel de l,
dal tecc ven gi on riciamm de birignao
e duu smerald con aria de baloss
sbarlusissen in l'ombra quasi a d:
guardee che m son minga on ciribira.
L'era l de trii d con la coa drizza
sto malnatt margniffon
ch'el spettava tranquill come on trelira.
Poeu ven el turno de ciam i usej
e se sta no a perd temp in menudraj,
el ziffola No e o brutt o bej
chi riva riva. "Quanto ai pess - el dis -
se rangiarann, me metti no in fastidi,
ch'el diluvi per lor l' on paradis".

Se sara s la porta e tacca a pioeuv,
se solleva la barca, adasi adasi
la va... E passa i d, passen i nott,
baja i can, la gajna la fa l'oeuv,
e intanta foeura pioeuv, e pioeuv, e pioeuv...

Dopo quaranta d de temporal,
che tutti ghe n'aveven i mincion
schisciaa, ven foeura ona sperlada
de s, l'acqua la cala, el pivion
che l'era a f on girett
el torna indree cont on ramett d'oliv.
"Tas, tas, che l' finida, - vosen tucc -
l' passaa l'oragan, se torna a viv".
E l se sent la barca tacc dent
in quajcoss e poeu fermass de bott.
El va sul tecc el gatt,
el se guarda d'intorna e poeu el dichiara:
"M el conossi, quest ch l' l'Ararat".

I besti vegnen foeura, disen grazie
e vann per i fatt s. Pensos el resta
el Patriarca, on poo per el destin
de l'omm e on poo ch'el voraria f festa:
on brindes...ma con cosa? e l per l
el decid che con l'uga se fa el vin.
Pient i vidor l' staa ona stupidada
e no ve disi poeu sott ai topiett
quanti cicch che l'ha ciappaa l coi nevod;
e st'anema de cicch l'hann travasada
ai fioeu che gh' nassuu da i s semenz,
insc bon e con tanti pocch difett
che anm adess se ne ved i conseguenz.

 

a brnt         profusione (la "brenta" una misura di capacit e vale 50 litri)
cicch           sbornie (con l'accento grave si pronuncia con la "o" aperta)
cicch           ubriaco ( con l'accento acuto si pronuncia come la "u")
ciolld           buscherature, truffe
ciribra          un tipo di cardellino, ma designa, come il merlo, persone
                     di poco giudizio
oev in cereghn         uova al tegame ("cereghin" traduce: chierichetto. Il
                                    termine viene applicato alle uova, in quanto, una
                                    volta fritte, assomigliano alla "chierica" dei frati)
scimbol                     orge (ma normalmente "f sciambola" si usa in
                                   senso bonario, col significato di "fare baldoria")
smrt                          pallido, riferito a Jafet, terzo figlio di No, che dar
                                   origine alla razza ariana
sopressda                  punizione (alla lettera "un colpo di ferro da stiro")
trnquill cme on tre lra  perch la moneta da tre lire, equivalente a
                                   mezzo scudo milanese, portava impresso da un lato
                                   un viso sorridente
vonscin                     persona sporca

(tratto da Stori liber del Gran Liber"

 

L'arca
Un bel giorno di brutto tempo,
aria di funerale,
si sente oltre le nuvole una voce:
"Razza di scioperati,
attenti a voi, che la si mette male!
Gente senza cuore e senza religione,
inganni, ruberie, imbrogli a fiumi,
festini e ammazzamneti innumerevoli,
e peccati di gola e immondi vizi...
Ora ve la d io la staffilata,
poich giunto il momento di piantarla".

Nell'ascoltar la bella intemerata
No che era nell'orto a piantar verze
alza la testa e vede
il gran Javeh in persona: "Riverisco,
- gli dice - che succede?"
E Lui: "Vi condanno a un supplizio
che voi ricorderete per un pezzo:
far scendere a secchi
tant'acqua da coprire tutti i monti,
uomo non rimarr che c'era prima,
faranno il bagno i sozzi, come giusto.
Si far quieto il mondo come una risaia:
acqua e silenzio, tomba dei peccati".

E intanto che No "Buond, fagioli"
pensa, riprende: "Non ti spaventare,
ancora non giunta la fine del mondo.
Sei un bravo ragazzo
e ti condanno a vivere: allestisci una barca
tutta a scomparti e col suo bravo tetto,
molto grande e profonda tuttavia,
dipinta dentro e fuori col catrame.
Prendi tua moglie con Sem e Cam,
l'altro figliolo pi pallido,
le donne che stanno con loro,
e tutti dentro. Ma attenti: voglio salvare
anche le bestie del mondo, senza esclusioni...
Dunque, dentro anche loro, poich torti
io non ne faccio ed essi non han colpa...
Su, presto, all'opra!"

                        Tace l'Onnipotente
e subito No si d da fare.
Taglia, lega, martella, impiastriccia,
la baracca in un soffio apprestata.
Ci metton dentro cose da mangiare
(ch da bere ce n'), poi tutti in coro
si mettono a gridare: "Bestie, venite!"

E incomincia una lunga processione
di bestie in bella mostra pellegrina:
in testa a tutti sua maest il leone,
poi conigli, giraffe, pecore, cammelli;
arriva lo struzzo, l'elefante, arrivano i maiali,
arriva il lupo con la volpe, arriva la faina,
i bambini chiamano il gallo con la gallina,
poich amano l'uovo al tegamino.
Poi da guardia e da caccia tutti i cani,
con le loro pulci, i pidochi e gli scarafaggi,
cavalli grigi e roani,
tori con la vacca, dromedari, oche;
una manciata d'api nell'alveare
e con gli onori che merita un sultano
l'asino... - non tocchi all'uomo domani,
Dio ne scampi! un mondo senza somari.

Ci siamo tutti? No, che manca il gatto!
Non c'... Ma dove s' cacciato
quel discolo? Cercalo di qui, chiamalo di l,
scende dal tetto un richiamo col birignao
e due smeraldi con aria birichina
risplendono nell'ombra, quasi a dire:
guardate che io non sono un citrullo.
Stava l da tre giorni a coda dritta
quel discolo furbacchione
e aspettava tranquillo come un pasci.
Poi viene il momento di chiamare gli uccelli
e non si perde tempo in minutaglie,
fischia No, e o belli o brutti,
chi arriva arriva. "Quanto ai pesci - dice -
si arrangeranno, non mi metto in fastidio,
ch il diluvio per essi un paradiso".

Si chiude la porta e incomincia a piovere,
la barca si solleva, adagio adagio
si muove...E passano i giorni, passan le notti,
abbaiano i cani, la gallina fa l'uovo,
e intanto fuori piove, e piove, e piove...

Dopo quaranta giorni di temporale,
che tutti ne avevano le scatole
rotte, vien fuori un'occhiata
di sole, l'acqua si abbassa, il colombo
che se n'era andato a fare un giretto
torna con un ramoscello d'ulivo.
"Taci, taci, che finita, - gridano tutti -
l'uragano passato, si torna a vivere".
E in quel mentre si sente la barca urtare
in qualcosa e poi di colpo arrestarsi.
Corre sul tetto il gatto,
si guarda attorno e poi dichiara:
"Io lo conosco, questo l'Ararat".

Discendono le bestie, dicon grazie
e vanno per i fatti loro. Pensoso rimane
il Patriarca, un po' per il destino
dell'uomo, e un po' perch vorrebbe festeggiare:
un brindisi...ma con che cosa? e l per l
decide che con l'uva si fa il vino.
Fu un gioco da ragazzi piantar le viti
e non vi dico poi sotto le pergole
quante sbornie si preso coi nipoti;
e quest'anima da briachi l'han travasata
ai figlioli nati dal loro seme,
cos buoni e con cos pochi difetti
che ancor oggi se ne vedono le conseguenze.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)