La vedova de ghisa (Antonio Strazza)             

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

La vedova de ghisa

Ho ricevuu on avis che per quest' ann

tutti i Poetta de la ź Meneghina ╗

gh'hann l' obbligh de cantÓ domÓ i fontann

del nost Milan, naturalment in rima.

Canti anca mý che in mezz ai grand Poetta

me senti propi minga on fioeu de tetta.

 

E a proposit de giÓ che on quei ann fÓ

ho scritt su la ź Fontana di Giardin ╗

di vers che hann ritegnuu de pubblicÓ,

me limiti stavolta al ź fontanin ╗

de l'acqua che se ingolla per la strada

e che a Milan la nass semper gelada.

 

Canti e ripensi a quella tromba veggia

che, in cÓ mia, la stava a mezza scala

per dagh l'acqua a la gent che con la seggia

la faseva la cova per cavÓla

e me regordi quand, sul coraman,

scarligavi da l'ultim al primm pian.

 

Si che me par de tornÓ anm˛ bagaj

e riviv in quell'aria de bontÓ

che, senza tanti ball tanti travaj,

l'era la gioia de l'UmanitÓ.

El ciamen ź Vedova ╗ ma el fontanin

el piang n˛ de dolor ma per destin.

 

Commento

 

Invia i t˛ penser, i t˛ emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)