L'infinito GiacomoLeopardi)        

 

Testo originale Traduzione  

 

L'infinito   (Giacomo Leopardi)

Sempre caro mi fu quest'ermo colle,

e questa siepe, che da tanta parte

dell'ultimo orizzonte il guardo esclude.

Ma sedendo e mirando, interminati

spazi di lÓ da quella, e sovrumaniá

silenzi, e profondissima quiete

io nel pensier mi fingo; ove per poco

il cor non si spaura. E come il vento

odo stormir tra queste piante, io quello

nfinito silenzio a questa voceá

vo comparando: e mi sovvien l'eterno,

e le morte stagioni, e la presente

e viva, e il suon di lei. Cosý tra questa

immensitÓ s'annega il pensier mio:

e il naufragar m'Ŕ dolce in questo mare.

 

L'infinito     (traduzione di Antonio Strazza)

 

Me pias propi de bon 'sto d˛ss che in scimma

el g'ha ona scŔs che lassa no vedŔ

tutt l'incontrass del Cýel sora la Terra.

Me pias perchŔ guardand, cont el penser,

in del spazzi al de lÓ senza confin,

el troeuvi in d' on silenzi insci divin

che per p˛cch el mŔ coeur noI g'ha paura.

E come senti, in mezz ai piant, el vent

con la soa v˛s tra i frasch a sospirÓ,

me par che quell silenzi, a parang˛n

dandom l'idea de l'EternitÓ,

el me faga cognoss passaa e present

come v˘s che finiss l'istess del vent.

L'Ŕ in questa EternitÓ ch'el mŔ pensÓ

come in d'on mar el g˛d a sprofondÓ

Commento

 

Invia i t˛ penser, i t˛ emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)