A' suoi compagni musici (Fabio Varese)                             

 

Testo originale Traduzione  

 

A' suoi compagni musici

 

Mess pr Zopp, al m' solt on stremizj

che no poss incord sto vioron:

de grazia son on p v la canzon

ch'al forza che vaga ind on servizj:

 

me ven insci al nas, com'h fin i offizj,

che vren fan cant fals bordon

tutt pien de ligadur del settem ton,

e mi vj f ona fuga de caprizj.

 

M'arecomand Cingard e Cingardett

e v signor Ottavio Nicorin,

mess Ippolet, Battista e 'l Spagnolett,

 

a revedess Sargent del viorin

e v mess leronim del cornett,

retiremes al Domm l su i scarin

 

che per ess l visin

vj che daghem a ment se sti toson

vren lassass lig, men in preson.

 

Battemm prest el taccon

fradell, andemm insci, s quel che digh,

andemm che no 'l gh' temp da per figh.

 

Sent quel che ve digh,

me mandar p a d stand in preson

com' pass l'istoria e la canzon.

 

 

A' suoi compagni musici

 

Messer prete Zoppi, ho preso uno spavento

che non posso accordare questo violoncello:

di grazia sonate un po' voi la canzone

che sono costretto ad andare ai servizi:

 

mi puzza che, finite le funzioni,

vogliano far cantare a noi un falsobordone

tutto pieno di legature del settimo tono,

e io voglio fare una fuga di capriccio.

 

Mi raccomando Cincarti e Cincardetto

e voi signor Ottavio Nicolino,

messer Hippolito, Battista e Spagnoletti,

 

arrivederci Sergente del violino

e voi messer Geronimo della cornetta,

ritiriamoci al Duomo l sui gradini

 

che per essere l vicino

vorrei sapere se questi giovani

vogliono farsi legare, portare in prigione.

 

Svignamocela

fratello, scappiamo, s quel che dico,

andiamo che non c' tempo da perdere in chiacchiere.

 

Sentite cosa vi dico,

non mi manderete pi a dire stando in prigione

com' passata la storia e la canzone.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)