L'autore descrive la propria abitazione (Fabio Varese) 

 

Testo originale Traduzione

 

Lautore descrive la propria abitazione

 

No m domand de grazia donde st

che maledetto sia st in dona c

dov no poss ne d n nogg mai reposs

del fregg e del frecass e del spuzz;

 

ona c sott i copp che quand ghe v

ghh semper scient basij da inumer,

d camer dallinvers dov mai no ghd

da nessun temp dellann on p de s;

 

par mezz ai beccarij, par mezz al foss

e se sent i becch co i s folgasg

che van semper taiand carne baloss,

 

dond se ved nom donn che lava strasg;

de pi and ai fenester mai no poss

che no veda a voi sempron pettasg;

 

su i scar millj spegasg

de merda di fancitt di m visin,

che caghen anch di vlt sott al camin.

 

 In lora del mattin

ghh p sempron concert de resegott,

de carr e de carret on terremott.

 

Ma quest el nagott r

espett al ciass che fan i barchir

i vedei de becch co i vacch e i b.

 

Tra lolter gh on fi

don vesin che nom lassa mai dorm

chal rasgia dalla sira in fin al d.

 

Ma cazz m vi fusg

e port via ona nogg la paia el legg:

malett sia l patron, la c col tegg.

 

Risposta

 

El stall dov te st l' da par t,

anz mi me maravj e s' no s gi

chi sia cost che t'habbia tolt in c

essend insc porscell e insc gog.

 

Ch'occorr te baiet e t' rompet el c

co'l f sonitt e tutt el di rasgi.

S' te g'h parigg basij da innumer,

rompet almanch el coll e borla gi;

 

o t on martell, smaraiet prest i oss

e spettasciet la merda ind el bottasg

e fatt almanch fini da crep 'l goss.

 

Te mostret pur a manaman 'l busnasg

o poverasg fott, te no g'h indoss

in tutt per tutt per quatter sold de strasg;

 

e nom pettegasg

se ved in la toa c, brutto mastin,

e stronz per tutt ch'ammorben i visin.

 

De md, el m strascin,

te p grattatt el c insc da biott

e segn i cantarij cont i strambott.

 

No l' i resegott

che te daghen fastidj n i fi,

ma l' 'l dormi co' i pigg senza lanz.

 

Ma par d fin inc

a sta libeba, olter no vj di

nom perch s che te v fusgi.

 

Ma cazz, credill a mi,

te t'ingannet coion, che al t despegg

el patron vr el figg e tt el legg.

 

Lautore descrive la propria abitazione

 

Non domandatemi, di grazia, dove sto

che maledetto sia, sto in una casa dove

non posso riposare n di giorno n di notte

a causa del freddo e del fracasso e dalla puzza;

 

ona casa sotto le tegole che quando ci vado

ho sempre cento gradini da contare, due

camere sul retro dove non c' mai

in nessun tempo dell'anno un po di sole;

 

in mezzo alle macellerie, e in mezzo al fosso

e si sentono i macellai con li loro coltellacci

che vanno sempre tagliando carne e ossa,

 

dove si vedono soltanto donne che lavano

stracci; e per di pi mai posso andare alla

finestra che non veda vuotar sempre un pitale;

 

sulle scale mille sgorbi di merda

dei fanciulli dei  vicini, che (mi) cagano

anche a volte sotto il camino.

 

All'ora del mattino ho poi sempre

un concerto di carpentieri,

di carri e di carretti, un terremoto.

 

Ma questo nulla rispetto al chiasso

che fanno i barcaioli, i vitelli da macello

con le vacche e i buoi.

 

Tra laltro c un figlio dun vicino

che non mi lascia mai dormire

che raglia dalla sera fino al giorno.

 

Ma cazzo io voglio fuggire e portar via

una notte la paglia e il letto: maledetto

sia il padrone e la casa col tetto.

 

Risposta

 

La stalla dove stai da par tuo,

anzi mi meraviglio e non so immaginare

chi sia costui che ti abbia accolto in casa

essendo tu cos porcello e cos scostumato.

 

Che bisogno c di abbaiare e di romperti la testa

facendo sonetti e ragliando tutto il giorno.

Se hai parecchi gradini da contare,

rompiti almeno il collo e casca gi;

 

o prendi un martello, rompiti presto le ossa

e spiaccicati la merda nel ventre

e almeno smettila di farti scoppiare la gola.

 

E quasi mostri il culo

o poveraccio fottuto, non hai addosso

che quattro soldi, al massimo di stracci;

 

e soltanto inzaccherature

si vedono nella tua casa, brutto scellerato,

e stronzi dovunque che ammorbano i vicini.

 

Di maniera, caro il mio cenciaiuolo

da poterti grattare il culo cos da nudo

ed "esorcizzare le ghiandole" con gli strambotti.

 

Non sono i "carpentieri"

darti fastidio n i bimbi,

ma il dormire con i pidocchi senza lenzuola.

 

Ma per concludere oggi

questa filastrocca, altrro non voglio dire

perch so che vuoi fuggire.

 

Ma cazzo, credimi,

ti sbagli, coglione, che al tuo peggio

il padrone vuole il fitto e toglierti il letto.

Commento

Milano sta vivendo un momento di grave decadenza. In questa lirica Varese evidenzia il livello di questa degradazione civica. La zona di S.Stefano in cui vive il poeta (Laghetto), un porto mercantile dove arrivavano i barconi dal Naviglio. E' facile intuire quale sia la situazione d'igiene e come non possa stupire la diffusione di malattie epidemiche come la peste.

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)