La campanella de San Cels (Giovanni Ventura)     

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

La campanella de San Cels

 

Ah! citto, citto!... lassem sent

Sto son pattich, sta campanella"

Sta cara amisa di mee primm d!

 

Cara vosetta, l' ancam quella!

L' anm l'istessa dopo vint'ann!

L' smper fresca, l' smper bella!

 

Per m i vos mrbid di bej tosann

Hin vegnuu rsgen de che son va;

Ma t! bambinna in tra i campann:

 

Te gh'ee anm tutta quella maga

Che in di primm cicer g'hann i bambitt,

Che ne comeuven per simpata!

 

Me croda i lcrem in del sentitt!

Che te me tret tutt in la ment

E i primm panznegh e i primm giughitt!

 

E adess che vedi passaa e present,

Troeuvi la vitta tutta ona storia.

De desideri, de patiment!

 

O sogn fantstich de amor, de gloria,

Come sii in prtega smort e sbiavaa! -

O campanella! che la memoria

 

Te me rinfrschet del temp passaa!

Mndem s l'aria quand saron via,

Mndem on co per carita!

 

Ma cosse disi? che fantasia! -

Putost in l'ltem de sti mee d

Sona, e conslem in l' agonia ;

 

Se, come speri, moriroo ch!

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)