da "Maria" atto unico (Roberto Zago)      

 

Testo originale Traduzione

 

(Un luogo qualunque: chiesa, casa, angolo di strada o del cuore. Un quadro - o una statua - della Vergine e, sotto, una mensola)

Maria:(Una donna segnata dalla vita; popolana. Porta una borsa che metter a terra ad un certo punto del monologo

Sent! Parlemes ciar! M'hann trascinaa ona volta a Caravagg, e t'hoo minga vista. Gh'era talment on bordeleri che, forsi, te se sconfondevett con tucc chi fanatic che te pregaven, e poeu andaven a bev l'acqua miracolosa come se la fuss ona gazzosa.
Son vegnuda via cont i m certezz, anca se i condividi de malavoeuja cont ona quaj Ave Maria. T te gh'avevet alter de f che damm a tr; m me sentivi come i terroni che mangen i fich d'India con la pell. Oppur, te seret on'invenzion, ona bancarella in p de la fera, dove l'unica mercanzia in mostra l' la speranza, che se p catt-s a gratis, tant in bon tucc de dattela.
Donca, doaria minga vess chi a pissat i candelitt o i mocol, e difatti i a pissi n. Te disar che hoo penaa a vegn: me pareva de and da la stroliga a fass legg la man e a domand ona bagola per tir avanti. Quasi me vergogni...
Me pader l'era on operari ch'el se fidava dom di s brasc, e l'odiava i sciori ch'el pagaven me on poerasc.
L, de Madonn taccaa-s sui mur ghe n'aveva minga, anzi i e tirava gi a bestemm, e questi eren i giaculatori ch'el m'ha insegnaa.
Allora, perch son vegnuda? L' quell che me domandi e che me son domandada per tutta la strada, e subit me rispondi: perch te set ona mamma come m; perch t'hann mazzaa el Fioeu e te l' semper savuu: fin dal d che te l' miss al mond; perch te l' vist crep 'me 'na bestia o, insc disen, e perch m gh'hoo ona tosa che l' inciodada a on lett e la voeur n decidess a mor, a differenza del t Fioeu. Ecco per quest son vegnuda! Te va ben o te voeuret che giri i tacch?
I dottor che l'hann visitada e curada m'hann dii: sei mesi, signora...non di pi. E ormai l' quasi on ann che la va adree a smani senza moeuves, a dolor 'me ona cagna ferida, ligada al lett 'me ona matta, e la capiss tusscoss! Pussee de m e de Ti! Lustra come ona lampadina de cent candill, e come i candill bianca e tirada.
Adess, dimm: l' pussee giust che la staga ch o che la vaga, finalment, in pas? T, sott'a quella cros l se te desideravet?: che i ciod se s'ceppaven o ch'el t Bagaj le pientass de soffr? M istess de t: rispondom!
Ma n a la manera di pret: trpp cmod! Qui-l gh'hann i parll facil, ma fioeu minga. La gesa, diseva m pader, la va avanti cont el parer di sciori, i ball di pret e i palanch di poer. De spiegazion teologich soo n se fann! Me n'hann faa sav assee.
L' dmilla ann che te guardet el crocifiss e che la gent la voeur cognoss 'ste penset. Anca m te interroghi, ma fissom n e basta, come te fee di quader! Se te me rispondet che te speravet ch'el moriss, m son chi a ditt la stessa rbba. M voeuri che la mia tosa la finissa de pen; voeuri che la moeura stasira, perch podi p vedella f on'altra ntt de canaja, masteg i lenzoeu per on dolor che nanca i puntur poden p medeg.
La gent la ven in di t santuari a cerc la salut e la guarigion de tutti i malattii, m me metti denanz a t a invoc la mort. 'Ste feet? L' pussee facil f on miracol per el paralitich ch'el voeur corr per i praa o dagh la pas a quella poera tosa l? Disen che, per t, i miracol l' come and da l'ortolan a compr la dta: costen pcch. Se l' vera, son bna de recit on'Ave Maria anca se me la regordi malament. Pretendi n che te me apparisset: chi sont? Voeuna che la se regorda de t adess che la gh'ha de bisogn, prima te cuntavet men de ona scigolla; e poeu te saree ciappada con tucc quej che voeuren grazzi e pretenden bagol...Per, famm on segn, o magari fammel n, ma scoltomm! Mett dent el coo ne la stanza de la Rosa, dagh on oeucc a s pader, ch'el se consuma a guardalla e ch'el daria el s sangu per lee, come l'ha daa el vin...S, l'ha promiss de minga bev per la soa tosa e, par nanca vera per vun che l'era semper in gajna, l' on ann ch'el manda minga gi on biccer...Poeu, ponda la faccia sora la faccia de la nstra stella; vardela e dimm se la regorda n quella del t Fioeu! I stess spasim; i stess spin; la stessa impossibilit de f on quajcss! E allora, fall t on quajcss per lee! Ma fall subit, per pias!

Pausa

Te taset? Te restet immobil? Perch? Su, dimmel: perch? Forsi te gh'avevet nissun che te dava a tr? Gh'era minga ona quaj Madonna de preg, on quaj angiol de f vol intorna a la cros? Ma questa l' n ona scusa! Se gh'eren t te sariet n la Vergine, l'Immacolada, l'Assunta...e tutti i alter nmm che te dann! E te podariet minga f i miracol, ricev i preghier de la poera gent, av tanti ges e gesett come nisssun...Te see meritada la fiducia de tutt i disgrazziaa perch te see ancam ona disgrazziada, ona mamma dolorenta: come m!M che son sfinida de vess dolorenta, anzi, de vess ona mamma... M voeuri p vess la mamma de la mia tosaa! M ne pdi p de vedella in cros! De savella in cros! In cros...(S'interrompe soffocata dall'emozione)
Una lunga pausa. Apre la borsa e ne cava un lumino che accende con mani tremanti.
T! Te pissi on lumin: l' la prima vlta che me azzardi a fall. Se me vedess m pader, el casciaria ona litania de bestemm da mandatt a passeggi foeura del Paradis...Pussee d'insc podi minga f... E l' ona fadiga, credom. che foo volentera...Ma adess, fa t! Anca malvolentera, senza pias; rampega sul firmament o cascess gi 'me 'na lumera d'estaa..., Perch se tel fee minga...Varda! Con tutt i mccol del mond. ghe doo foeugh a tutt i quader, a tutt i immaginett e i catanaj che fann reclame a la toa faccia! Perch con quella faccia l...se p n ingann i miliard de pesonn che t'hann pregaa e che te preghen d e ntt! Te podet n ingannamm, Madonna! Lassom vos come gh'hoo de bisgn, almen con t, perch con lee me tocca pur anca rid e vess serena, te capisset?, allegra 'me on pures soffegaa dal materass...
Fa per allontanarsi, ma si ferma. Estrae dalla borsa uno straccio lurido che pone sotto il quadro (o la statua)
L' el mantin de la Rosa; l' impregnaa di s spuatt, dl marsc che ghe ven foeura di polmon e dal fidigh...
Te fa schivi? T'el metti istess sott'al nas: fa cunt ch'el sia el strasc che gh'aveva denanz el t Fioeu...
L' giust che te gh'abbiet la proeuva de quell che disi. Sent m'el spuzza de sofferenza, e guardel come l' consciaa... L'ha strengiuu coi dent per minga vos, l'ha strapazzaa con l'anima...Basta! Gh'hoo p nagtt de datt e nanca de ditt... S, anm'na rbba: quand la vestissaroo per mettela via, t'el giuri, ghe metti in sul coeur l t ritratt, minga el m o quell de s pader, perch te saree diventada t la soa mamma. Te la casci sui brasc...Mi ghe la foo p...
Si allontana; lo straccio cade improvvisamente. La donna avverte il fruscio e si volta; vede lo straccio caduto e ritorna per rimetterlo sulla mensola. Come lo prende in mano, si accorge che lo straccio non pi lo stesso. Allora lo svolge: lo straccio le appare immacolato, nuovo. Lo rigira dapprima incredula, lo stringe e poi lo palpa e, infine, se lo porta al viso per asciugare le lacrime che le cadono dagli occhi. Poi, con passione, gioia, rassegnazione e accettazione:Oh, Signor! Oh, Signor! Madonna! Madonna...'Ste faa? 'Ste faa?
El strasc, el s strasc vonc e consciaa l' p quell...Se voeur d? La mia Rosa l' morta o te me l'ee fada guar? Te l' tirada bianca e noeuva per m o per t? Fa nagtt! Nagott! Te m'ee scoltaa, son p de per m, sola stta la mia cros, te see vegnuda a tegnimm compagnia...E m me senti insma a t, e con lee, per semper in ogni manera: che sia Venerd Sant o Pasqua l' istess! Maria e Maria: m e t...M e t...M e t...(E il suo un pianto di consolazione)

 

Commento

Ho avuto la fortuna di sentire questo monologo "interpretato" dallo stesso Zago... cosa che auguro anche a voi!

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)